Lode a Mazzarri

mazzarri

Mazzarri

Manca più che mai, adesso, uno come Mazzarri nel panorama del calcio italiano. Sì, è vero, Inzaghi sta facendo grossi sforzi per riuscire a raggiungere i livelli di surrealità delle dichiarazioni dell’ex allenatore dell’Inter. Tuttavia, niente sembra scalfire la reputazione che il buon Walter si è creato con le sue scuse e i suoi piagnistei. Serve quindi una Lode a Mazzarri, una Lode al buon livornese che tanto ci ha fatto innamorare. Ricordiamo i Top 3 del lotto:

– 1998-99, il Napoli perde in casa contro il Ravenna per quattro reti a due. Questa è statisticamente una sconfitta rovinosa e storica per la società partenopea. Ma tutto questo non sembra certo scalfire il nostro Piangina, che si presenta davanti alle telecamere nel migliore dei modi, dicendo che metà dei suoi ragazzi aveva la febbre, e uno aveva pure la diarrea.

– Dopo l’eroico pareggio casalingo in Europa League contro il St. Etienne, Walterone si esprime così: “Il campo scivoloso e la stanchezza ci hanno debilitati. Abbiamo finito pure con un ragazzo della Primavera.”

– 2-2 in campionato, contro la fatal Verona. Il Mazzarri non sa più che pesci prendere, a quale santo appellarsi e quale coniglio tirare fuori dal cilindro in questo ennesimo dopo-partita deludente e deluso. Ma quando tutto davanti al microfono sembra ormai perduto, ecco il lampo di genio che uno non si aspetta: “Siamo in emergenza, i ragazzi sono calati. E poi ha anche cominciato a piovere…“.

Walter, ci manchi. Allenati, cerca di inventartene di nuove, ma ti prego: torna presto all’ovile. Anche allenando in Serie D, non importa: a non dei tuoi successi o delle tue aspirazioni non ci frega niente. E non ci interessa neanche se a intervistarti c’è un’emittente locale anziché una grande televisione: no, noi siamo puri, noi vogliamo le tue perle e basta. Chissà dove sarai adesso, a cosa starai pensando. Comunque vada, froza Walter!

Lode a Mazzarri

Lode a Mazzarriultima modifica: 2015-03-05T02:02:27+01:00da andifase85
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento